FONDAZIONE EZIO FRANCESCHINI (fef)
o.n.l.u.s.

Sezione mariologica

 

 

Premio di ricerca
per la traduzione commentata
delle fonti della mariologia medievale

 

 

La FEF nel contesto di un articolato programma di promozione degli studi sulla cultura del medioevo e in particolare nell’ambito delle ricerche sul culto e sulla teologia dedicate a Maria, madre di Gesù, condotte dalla Sezione Mariologica, bandisce un premio di ricerca, per studenti e giovani ricercatori (che non abbiano superato i 35 anni alla data del bando), specificamente destinato alla traduzione moderna e al commento (grammaticale e stilistico e/o storico e dottrinale) di fonti della mariologia medievale. Il premio di euro 1.000,00 (mille), al netto della ritenuta d’acconto, sarà erogato dalla Fondazione Ezio Franceschini O.N.L.U.S. in virtù di una donazione di anonimo.

 

Il testo indicato quest’anno all’attenzione degli studiosi è il seguente:

 

Eadmero di Canterbury, De conceptione sanctae Mariae

(ed. G. Gerberon, 1721 poi PL 159, 301-18; ed. H. H. C. Thurston-Th. Slater, Freiburg i.Br. 1904)

 

 Norme del concorso

La partecipazione al concorso prevede due fasi, una di ammissione e una di valutazione dell’elaborato finale. Per l’ammissione i candidati dovranno presentare una domanda in carta semplice (con dati anagrafici e recapito, curriculum vitae e elenco di pubblicazioni), e una prova di traduzione di quattro colonne del testo di Eadmero di Canterbury (dall’edizione raccolta nella Patrologia Latina), con un esempio di commento. Tale domanda dovrà essere inviata entro il 1 ottobre 2005 (farà fede la data del timbro postale). L’ammissione al concorso sarà comunicata entro dieci giorni dai termini di presentazione delle domande. Gli ammessi al concorso dovranno poi presentare entro il 1 marzo 2006 la traduzione e il commento dell’opera indicata, redatta secondo le consuetudini adottate nella collana Per Verba  della Fondazione Franceschini e secondo le norme redazionali della medesima collana ricavabili dal sito internet www.sismel.it. Una lettera di presentazione di uno studioso noto della disciplina che presenti anche dal punto di vista scientifico l’elaborato, sarà presa in considerazione.

 

Le domande di ammissione prima e poi l’elaborato dovranno pervenire in triplice copia. Una commissione nominata dalla FEF, composta di tre specialisti e presieduta dal Presidente della Fondazione, valuterà sia le domande sia l’elaborato finale e potrà convocare i candidati per un colloquio preliminare all’ammissione. Il giudizio della commissione è insindacabile. Il premio potrà essere frazionato e si vorrebbe destinare alla pubblicazione in una collana della Fondazione l’elaborato prodotto. (Nel caso di più vincitori la commissione potrà indicare per ciascuno la parte dell’elaborato per cui si auspica la pubblicazione).

 

Firenze, 1 giugno 2005

Il Presidente

Prof. Claudio Leonardi